Skip to content

Il rispetto della legalità

3 novembre 2014

DSCN1546Il Prefetto di Trieste, la Dott.ssa Francesca Adelaide Garufi, ci ha onorato della sua presenza con una relazione dal titolo “Il rispetto della legalità”.

“Ricordate il paese immaginario descritto nelle prime pagine del libro? Quello dove trionfano il sotterfugio, la furbizia, la forza, la disonestà sotto l’apparenza delle leggi uguali per tutti, del rispetto per ogni diritto di base? Quello dove coloro i quali si attengono alle leggi formali (che non è detto siano pochi) sono scavalcati ogni giorno da chi non le osserva?

Si può concepire un sistema per capovolgere la situazione che non consista nel rovesciamento di quella cultura? E si può pensare che la cultura cambi “per ordine dell’autorità”, autorità, d’altra parte, espressione di quella stessa cittadinanza che si promuove violando le leggi?  

La strada non è forse quella di maturarne una opposta nella propria intimità, e poi proporla agli altri, e mostrare che si può praticare, e dimostrare nello stesso tempo quali sono gli svantaggi che anche ai più furbi, ai più raccomandati, ai più forti e ai più potenti procura la società verticale?
C’è bisogno, per mostrare questi svantaggi, di richiamare la necessità di forme sempre più ghettizzanti di difesa del proprio spazio e dei propri beni, la diffusione delle guerre, la progressiva distruzione delle risorse, l’esclusione continua di numeri enormi di persone dal riconoscimento e dall’armonia per il trionfo della divisione e dell’odio?

Certo, un’osservanza assoluta di regole giuste non sarà mai universale. Ognuno di noi è un essere umano, che si porta dietro ogni giorno tutte le sue imperfezioni, e che non potrà mai architettare e praticare forme di convivenza perfetta.
Certo, il male non può essere estirpato del tutto dalla storia; e la natura umana, la sua finitezza mortale è essa stessa fonte frequente di angoscia e sofferenza. A tutto questo non possono porre rimedio le regole e la loro osservanza.
In questi confini, la scelta consapevole, e la sua applicazione coerente, di tendere al modello sociale basato sul riconoscimento dell’essere umano stabilisce la direzione del percorso e qualifica ogni sua tappa. Più si procede, più si allargano le possibilità di vedere se stessi e ognuno degli altri come soggetti e non come oggetti; di essere liberi e non sottomessi, cittadini e non sudditi. Si tratta di un percorso infinito, nel quale, prima e più della meta, conta il modo di essere sulla strada, la coerenza di ogni gesto e di ogni parola rispetto al risultato finale.

È il percorso, non il traguardo, a riempire la persona del proprio valore e della propria dignità. Tutti noi siamo sul percorso, dipende da ognuno di noi dove questo ci porterà.

Tratto dal libro “Sulle regole” di Gherardo Colombo, Ed. Feltrinelli, 2008.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: